Dieci secoli di storia di Roma attraverso un manoscritto: il «Festo Farnesiano»

Le philologue Adriano Russo, membre de première année de la section Moyen Âge, retrace dans ce billet l’histoire du Codex Farnesianus aussi connu par la postérité sous le nom de Festo Farnesiano. Ce manuscrit, qui contient l’oeuvre du grammairien latin de la fin du IIe siècle ap. J.-C, Sextus Pompeius Festus, De verborum significatione, est aujourd’hui conservé à la Bibliothèque Nationale de Naples. Avant de se retrouver dans cette ville, le manuscrit a eu une longue histoire romaine, et plus précisément une histoire farnésienne. Retour avec Adriano Russo sur dix siècles d’histoire de Rome à travers ce manuscrit.

A Napoli, nelle sale della Biblioteca Nazionale Vittorio Emanuele III, hanno trovato il loro ultimo approdo i disiecta membra di un manoscritto la cui vita millenaria ha intersecato i destini di molti uomini: il cosiddetto «Festo Farnesiano» (IV.A.3), in quanto è appartenuto a partire dal XVI secolo alla biblioteca della famiglia Farnese, conservata per secoli nel palazzo che è sede della nostra Scuola.

(©Napoli, BN, IV.A.3, f. 23r / EFR – CC-by-nc)

Ridotto oggi a meri brandelli di pergamena, questo manoscritto ha subìto progressive mutilazioni nel corso del tempo. Man mano che si è andata riducendo la sua consistenza materiale (a causa di incendi, tagli, sottrazioni di fogli e altri accidenti) è cresciuto invece il suo prestigio, ed è aumentato l’interesse che esso ha destato in studiosi illustri, passando di mano in mano fino ad arrivare all’attuale sede di conservazione.

L’opera di Festo dall’Antichità al Medioevo

Sesto Pompeo Festo compose il suo glossario, il De verborum significatione, nel II secolo d. C. Era una vera e propria miniera di informazioni, non solo linguistiche ma anche storiche, geografiche, antiquarie, religiose, giuridiche: una sorta di “enciclopedia della romanità”. Per quanto preziosa, l’opera non ebbe una grande fortuna. La lesse Macrobio nel V secolo, poi per diversi secoli giacque dimenticata. Intorno al 786 Paolo Diacono, il grande storico del Longobardi, ne realizzò un’epitome, che dedicò e offrì a Carlo Magno, allora ancora solo re dei Franchi, ma già determinato nell’ambizione di annettere l’Italia e cingere la corona dell’impero. Altri eruditi, in Italia meridionale, attinsero occasionalmente al lessico festino. Ma pochissime dovettero essere le copie integre del De verborum significatione.

(©Napoli, BN, IV.A.3, f. 35r / EFR – CC-by-nc)

Questi episodi di tradizione indiretta sono sostanzialmente le uniche tracce di diffusione dell’opera fino all’XI secolo. A quest’epoca fu realizzato il solo testimone diretto oggi conservato, noto come codex Farnesianus, dal nome della famiglia che per molti secoli lo possedette. Lo trascrissero due o più copisti nella seconda metà dell’XI secolo, probabilmente nello scriptorium della cancelleria pontificia presso il Laterano, in cui era naturalmente alta l’attenzione per gli usi degli antichi romani, tanto più in un momento in cui la Chiesa, scossa nelle sue fondamenta dalla riforma gregoriana, doveva dotarsi di un’attrezzatura giuridica utile a sostenere delicatissime battaglie ideologiche1.

All’utilità pratica del testo corrispondeva la valenza simbolica del manufatto, realizzato su pergamena di buona qualità, imponente (oggi, al netto di tagli e mutilazioni, misura 33 × 22 cm.), formule di incipit ed explicit in capitale, iniziali decorate con motivi semplici ma assai eleganti. La scrittura è una minuscola «romanesca» calligrafica, chiara e ariosa. Due diversi scribi si avvicendarono nel processo di copia, secondo un progetto ben preciso e pianificato ab origine: segno che l’operazione avvenne in uno scriptorium professionale, in cui erano normali pratiche di copia «frazionata».

La fase «pre-Farnesiana» della storia del manoscritto

Lorenzo Valla (1407-1450), ritratto (©Wikimedia /Domaine public)

Non sappiamo dove dimorò il manoscritto nei suoi primi secoli di storia. Agli anni ’50 del XV secolo risale il suo primo utilizzatore noto, che è uno dei più importanti esponenti del rinascimento italiano: nientedimeno che Lorenzo Valla (1407-1457). Ignoriamo come e quando egli ne sia venuto in possesso, ma sappiamo che ne fece buon uso per arricchire la sua già vasta erudizione. Citò infatti una quindicina di glosse festine in un corpus di postille all’Institutio oratoria di Quintiliano, oggi trasmesso dall’autografo Paris, BnF, lat. 77232.

Proprio grazie a Valla, con ogni probabilità, il codice festino passò nelle mani di un altro umanista di spicco dell’ambiente romano: Pomponio Leto (1428-1498), che di Valla fu alunno e amico. Ne estrasse anch’egli materiali eruditi, che inserì in un suo commento al Bellum civile di Lucano (redatto negli anni 1469-70), e che citò nei corsi sul De lingua latina di Varrone da lui tenuti alla Sapienza (di cui conserviamo alcune reportationes, cioè appunti presi dai suoi studenti durante le lezioni). Inoltre, una glossa festina contenente una rara citazione di Ennio fu aggiunta da Leto in margine a un suo esemplare del De rerum natura di Lucrezio, in seguito anch’esso appartenuto alla biblioteca Farnese (Napoli, BN, IV.A.51).

 Il codice era già gravemente mutilato quando Leto lo acquisì. Alcuni fascicoli erano andati perduti e il fuoco aveva divorato circa un terzo della superficie delle pagine restanti. Ciononostante, grazie a Pomponio, il manoscritto ottenne un’immediata ed enorme popolarità tra gli umanisti della sua cerchia. Leto conservava i fascicoli superstiti slegati, li lasciava copiare ai propri amici, e in alcuni casi li cedeva anche in prestito a persone fidate perché potessero trascriverli più comodamente.

Un suo alunno, Sebastiano Manilio, pubblicando l’epitome di Paolo Diacono (Roma, 1475), dedicata proprio a Leto, ricordava di aver letto poco tempo prima i Pompei Festi mutilatos libros (ovvero, quasi certamente, i malandati fogli restanti del manoscritto medievale), e si rammaricava che un’opera di tale importanza non fosse sopravvissuta integra fino ai suoi giorni. Altri intellettuali di rilievo videro il codice in casa di Pomponio. Manilio Rallo (1447-1523), un greco esule a Roma, di elevatissima cultura, ne prese in prestito alcuni fascicoli e li mostrò a sua volta ad Angelo Poliziano (1454-1494), avidissimo lettore di classici e scaltro cacciatore di manoscritti rari. Quest’ultimo, saputo che i fascicoli mancanti si trovavano presso Pomponio, scrisse direttamente a lui per ottenerli. E li ottenne, potendo usufruire così del codice nella sua interezza. Ne realizzò una copia (BAV, Vat. lat. 3368), che è il solo apografo diretto esistente del manoscritto medievale.

Altri esemplari ne derivano attraverso copie intermedie: molti tramite un subarchetipo perduto appartenuto allo stesso Leto. Tali apografi sono oggi preziosi per i filologi ai fini della costituzione del testo del De verborum significatione. Del manoscritto medievale sopravvivono infatti solo i fascicoli numerati IX, XI, XII, XIII, XIV, XV, e non sempre completi. Ma gli umanisti ebbero accesso ad esso in un momento in cui sopravvivevano ancora i fascicoli VIII, X e XVI, sicché le copie realizzate nel XV e XVI secolo consentono di recuperare in parte il testo dei fascicoli oggi perduti.

Tiziano, Ritratto di Alessandro Farnese (Papa Paolo III) (©Wikimedia /Domaine public)

Tra gli alunni di Pomponio in questo periodo (gli anni ’80 del XV secolo) era anche un rappresentante illustre della famiglia Farnese: Alessandro, futuro papa Paolo III, e nonno di quel cardinale Ranuccio che ebbe, nel secolo successivo, un ruolo cruciale nella storia del codice (come vedremo). È un’ipotesi probabile (per quanto non verificabile) che in casa di Pomponio Leto per la prima volta un membro della famiglia Farnese (Alessandro) abbia visto il manoscritto a cui poi avrebbe dato il nome (sicché parliamo appunto di «Festo Farnesiano» o codex Farnesianus).

La prima edizione a stampa del De verborum significatione

Tramite Pomponio il testo del De verborum significatione ebbe anche una divulgazione a stampa. L’editio princeps apparve a Milano per i tipi di Giovanni Angelo Schinzenzeler nel 1500: non casualmente due anni dopo la morte di Pomponio, quando il codice era verosimilmente passato ai suoi eredi, che lo concessero con maggiore liberalità. L’edizione, priva di titolo ma dotata di una lettera prefatoria con dedica al medico Guidotto da Magenta, fu allestita e supervisionata da Giovan Battista Pio, ma il testo di Festo fu curato da Gabriele Conago, che proseguiva un lavoro iniziato da Pio e rimasto incompiuto a causa di un suo allontanamento da Milano. Non sappiamo come esattamente Pio avesse ottenuto il codice, ma è sicuro il tramite di Pomponio Leto.

In una raccolta di Annotamenta (Bologna, 1505) proprio il Pio attesta per primo una leggenda destinata ad avere un certo successo nei secoli successivi, ossia che il codice fosse stato offerto a Pomponio ed inviato a lui «ex Illyria», cioè dalla Dalmazia. L’ipotesi dell’origine dalmata ha avuto credito tra i filologi fino agli anni ’30 del XIX secolo, nonostante la tipologia grafica del codice fosse stata già da tempo identificata come centro-italiana e specificamente romana. In realtà, come è stato poi dimostrato, il passo degli Annotamenta contenente questa notizia «sembra tutto volto alla ricostruzione posticcia dell’identità di qualcosa di cui si vuol far perdere le tracce»3. Una leggenda, appunto: ideata di proposito, ma che ci dà la misura di quanto il manoscritto fosse diventato ormai un oggetto di culto, al punto da far sorgere intorno a sé racconti in cui si innestano dinamiche quasi “agiografiche”. 

L’ingresso del manoscritto nella biblioteca Farnese

La parabola del codice, invece, è tutta romana. Scritto a Roma nell’XI secolo, e usato dagli umanisti dell’accademia romana nel XV secolo, esso visse nell’Urbe un’altra gloriosa fase della sua storia. Nel 1514 era approdato a Roma un dignitario portoghese, Miguel da Silva, membro di un’ambasciata del re Manuel I presso papa Leone X. Nominato ambasciatore del re di Portogallo presso la Santa Sede, risiedette a Roma fino al 1526. Vescovo di Viseu, uomo di grande cultura, amico di artisti e letterati (tanto da meritare, anni dopo, la dedica del Libro del cortegiano di Baldassarre Castiglione), Da Silva fu tra i protetti di papa Paolo III, che lo creò cardinale nel 1539: Paolo III, quell’Alessandro Farnese che da giovane aveva studiato con Pomponio Leto e visto, assai probabilmente, il manoscritto di Festo nella casa del maestro. Ebbene, alla sua morte, nel 1556, Miguel da Silva era il legittimo proprietario del codice festino. E decise di lasciarlo, ex testamento, al cardinale Ranuccio Farnese, nipote di Alessandro e collettore di una ricchissima biblioteca, in cui spiccavano libri antichi e pregevoli.

Sexti Pompei Festi De verborum significatione, ed. F. Orsini, Romae, 1581

Il codice festino entrava così nella biblioteca della famiglia Farnese: trovava posto nelle sale in cui si svolge oggi la vita quotidiana della nostra Scuola, in «scanzie» che precedono i nostri moderni scaffali. E della collezione libraria dei Farnese esso seguì le sorti. Tenuto in grande stima dal bibliotecario del palazzo, Fulvio Orsini, fu da lui sfruttato per una nuova edizione del De verborum significatione (Roma, 1589). Fu compulsato da illustri studiosi (Pietro Vettori, Aldo Manuzio, Antonio Augustín, lo Scaligero), sempre grazie alla benevolenza di Orsini, malgrado le bruciature e le cattive condizioni di conservazione, che rendevano le sue pagine sempre meno leggibili. Non fu intaccato, a quanto pare, dai due incendi che interessarono il Palazzo Farnese nel 1613 e nel 1635, e continuò ad attrarre le attenzioni di filologi e antiquari.

Censito regolarmente nei cataloghi della biblioteca4, negli anni ’50 del XVI secolo fu spostato a Parma insieme all’intera collezione libraria dei Farnese, duchi appunto di Parma e Piacenza, e ulteriormente trasferito a Napoli nel 1736, allorché il re Carlo di Borbone volle acquisire e installare nella capitale del suo regno molti dei beni appartenenti a sua moglie Elisabetta Farnese, ultima rappresentante della famiglia. A Napoli i libri dei Farnese entrarono così nella Biblioteca Reale borbonica (oggi Biblioteca Nazionale di Napoli). Una nuova casa per un manoscritto che è stato per secoli un emblema della romanità e un invidiato tesoro dei Farnese. Ma i libri seguono il corso della storia e ne raccontano i protagonisti. Chissà tra dieci secoli quali altre storie saranno in grado di raccontare le malridotte pergamene del «Festo Farnesiano».


  Propos édités par Chloé Tardivel, membre de première année, section Moyen Âge

  1. S. Ammirati, Intorno al Festo Farnesiano (Neap. IV A 3) e ad alcuni manoscritti di contenuto profano conservati presso la Biblioteca Apostolica Vaticana, in «Miscellanea Bibliothecae Apostolicae Vaticanae», 14 (2007), pp. 7-93 []
  2. L. Cesarini Marinelli, A. Perosa (ed.), Lorenzo Valla, Le postille all’Institutio oratoria di Quintiliano, Padova, 1996 []
  3. A. Moscadi, Il Festo Farnesiano: Cod. Neapol. IV. A.3, Firenze, 2001, p.  xvi []
  4. F. Fossier, La Bibliothèque Farnèse : étude des manuscrits latins et en langue vernaculaire, Rome, 1982. Gli antichi inventari della biblioteca sono attualmente oggetto di studio da parte di Angela Cossu []

OpenEdition vous propose de citer ce billet de la manière suivante :
EFR (17 mai 2023). Dieci secoli di storia di Roma attraverso un manoscritto: il «Festo Farnesiano». Farnese 150. Consulté le 21 juillet 2024 à l’adresse https://doi.org/10.58079/opdj


Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search