Costruire un’idea. Il cantiere di palazzo Farnese

Nel Cinquecento, le strade di Roma dovevano apparire a chi le percorreva come un grande laboratorio, disseminato da edifici in rovina e da edifici in costruzione. Una città-cantiere, brulicante di persone, materiali e macchine, non dissimile dall’immagine di palazzo Farnese restituita nel celebre disegno proveniente da uno dei due volumi che compongono il Codice Tarsia (ms XII.D.1., f. 8), conservato nella Biblioteca Nazionale di Napoli.

BNN ms XII.D1., c. 8r su concessione del Ministero della Cultura ©Biblioteca Nazionale di Napoli

Il foglio – dimensioni 268×1003 mm – fa parte di una silloge grafica che raccoglie disegni dedicati alle diverse scale del progetto, dal frammento architettonico alla città. Tale collezione – che conta in totale 132 carte – è stata presumibilmente composta negli anni Novanta del XVI secolo, all’interno di un progetto editoriale concepito dall’architetto-ingegnere Colantonio Stigliola, finanziato dal professore e avvocato Marco Antonio Sorgente.

Il disegno di palazzo Farnese – eseguito a penna con inchiostro bruno e acquerello da un autore anonimo, variamente datato in un periodo che va dal biennio 1526-1527 agli anni Quaranta del Cinquecento – appartiene a un nucleo di fogli dedicati alla rappresentazione di fabbriche connesse alla famiglia, tra cui la Farnesina (acquistata dal cardinale Alessandro Farnese nel 1580) e il palazzo-fortezza di Caprarola (costruito a partire dal 1530).

Nel foglio viene immortalato un fermoimmagine della lunga storia costruttiva di palazzo Farnese, quel “bellissimo palazzo di S. Santità nel Cardinalato incominciato, c’hor nel Papato si finisse” (Regole generali dell’architettura, Venezia 1537). Sebastiano Serlio evoca in tal modo la durata del cantiere farnesiano, descrivendola in parallelo allo sviluppo della carriera ecclesiastica del suo committente. L’avvio dei lavori, infatti, si colloca nel 1513/1514, quando Alessandro Farnese (1468-1549) è ancora cardinale; il cantiere, tuttavia, si sarebbe protratto per diverse decadi, negli anni in cui il porporato è ormai salito al soglio pontificio come Paolo III, e anche dopo la sua morte, quando il cantiere viene lasciato in eredità ai suoi nipoti.

La dilatazione temporale dei lavori è dipesa da diversi fattori, in primis il Sacco (1527), che oltre a segnare una cesura nella storia dei Roma, ha imposto una battuta d’arresto anche alla costruzione della fabbrica. Nel foglio napoletano l’edificio è incompleto: il piano terra e il piano nobile sono sostanzialmente terminati secondo il progetto proposto da Antonio da Sangallo il giovane, mentre il terzo è ancora da costruire: al suo posto, si riconosce la sagoma di un’imponente fabbrica, forse il segno di un edificio preesistente, come è stato ipotizzato.

Sulla destra, si intravedono alcuni edifici rappresentati in modo veloce: la raffigurazione di murature dirute sembra alludere alle intense operazioni di demolizione messe in atto dal committente dell’edificio per creare spazio alla propria residenza, che doveva svettare nel Campo Marzio. Sulla sinistra, invece, si estende un vuoto urbano.

Il foglio di Napoli non appartiene alla categoria dei disegni tecnici. A differenza di altri grafici recanti ad esempio progetti di Antonio da Sangallo il giovane per il palazzo, questo disegno non è eseguito mediante l’utilizzo delle proiezioni ortogonali, né le parti della fabbrica vengono corredate di misure. Non ci sono pretese, quantomeno apparenti, di aderire alla realtà topografica della città: a parte le ombre lasciate dalle costruzioni che sorgevano in prossimità di palazzo Farnese, non vengono segnati i tracciati delle strade intorno al palazzo, che invece sarebbero state oggetto di precisi interventi per isolare l’edificio nel centro di Roma. Nel foglio si racconta piuttosto un momento della storia del palazzo, in cui l’architettura diventa anche parte della vita della città, come dimostrano le figure intente a costruire la fabbrica, a trasportare i materiali, a manovrare le macchine per il sollevamento dei pesi. Ciò che conta, per l’anonimo disegnatore, è rendere visibile la facciata dell’edificio, che assurge a emblema del committente. Anche se Paolo III lascia ai posteri alcuni cantieri interrotti o incompiuti – come la basilica di San Pietro, oltre al suo stesso palazzo – il disegno di Napoli narra l’impegno del pontefice nella trasformazione della città. Uno zelo che viene tramandato, non senza retorica, anche tra le pagine de Gli Straccioni di Annibal Caro, dove due interlocutori non riescono a raccapezzarsi tra le strade del Campo Marzio, rese irriconoscibili dal fervore edilizio di Paolo III.

Astratta dal contesto topografico e architettonico della città, la scena rappresentata nel foglio di Napoli ha piuttosto un valore retorico: palazzo Farnese diventa un cantiere aperto, un’occasione per entrare nella vita dei suoi abitanti e nella storia di Roma.

Francesca Mattei, Università degli Studi Roma Tre, Roma

Per approfondire:

  • L. Di Mauro, “Domus Farnesia amplificata est atque exornata”, in “Palladio”, N.S., 1.1988, 1, pp. 27-44
  • Palazzo Farnèse. Dalle collezioni rinascimentali ad ambasciata di Francia, a cura di F. Buranelli, Giunti, Firenze 2010, cat. 39, pp. 334-335
  • A. Buccaro, Dopo Leonardo, tra Vignola e Stigliola, in Leonardo e il Rinascimento nei Codici napoletani: Influenze e modelli per l’architettura e l’ingegneria, a cura di A. Buccaro, M. Rascaglia, con la collaborazione di D. Bacca, CIRICE, Napoli 2020, pp. 213-233
  • G. Rebecchini, The Rome of Paul III (1534-1549): Art, Ritual and Urban Renewal, Harvey Miller Publishers, London-Turnout 2020

Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée.

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search