Qualche frammento letterario di Palazzo Farnese

È difficile esprimere in maniera esaustiva cosa rappresenti Palazzo Farnese nell’immaginario collettivo italo-francese (ma anche globale). Imponente, si erge squadrato e troneggia magnifico al centro di Roma. A tratti intimidisce e del resto è stato creato anche per questa ragione nel XVI secolo. Doveva essere una fortezza simbolica, che rappresentasse il grande potere della famiglia che ancora oggi gli dà il nome: Alessandro Farnese, al soglio pontificio dal 1534 come Paolo III, fece costruire un palazzo degno di un papa. L’edificio doveva quindi ispirare un sentimento contrastante, e così come accadeva in passato, questo sentimento si percepisce ancora oggi.

Non è un caso dunque che la grandezza materiale e immateriale del “dado Farnese” sia stata variamente interpretata nel corso del tempo, con grande ammirazione e talvolta timore. L’impressione che il palazzo suscitava, insieme alle sue collezioni, è stata spesso registrata nella letteratura in termini positivi o negativi, cangianti a seconda del valore politico, ma anche simbolico che è stato attribuito negli anni all’antica residenza dei Farnese. Per esplorare alcune di queste interpretazioni, in questo contributo saranno raccolti alcuni frammenti letterari moderni e contemporanei.

Giuseppe Vasi: incisione di Palazzo Farnese di Roma XVIII° secolo (pubblico dominio)

Nel XVII secolo il palazzo è al centro di una fitta rete diplomatica, come sede dell’ambasciata francese presso la Santa Sede, e come tale intreccia un rapporto oramai indissolubile con la Francia. Anche per questo è meta privilegiata non solo di ospiti politicamente illustri, ma anche di tutti coloro che compiono il rito del “voyage en Italie” per tutto il XVIII e il XIX secolo. Stendhal (1783–1842) ne offre un buon esempio nel suo Passeggiate romane (Promenades dans Rome, 1829), finendo per testimoniare un cambiamento di gusto che sarà a lungo dominante:

Nous avons vu plusieurs palais ces jours-ci ; d’abord le palais Farnèse, le plus beau de tous, bâti par Sangallo et Michel-Ange, avec des pierres arrachées au Colisée et au théâtre de Marcellus. On arrive à ce palais isolé par une fort jolie petite place ; il a la forme d’un carré parfait. C’est encore une forteresse, comme les palais de Florence. […] Le palais Farnèse, admirable à cause de l’architecture de Michel-Ange, passerait aujourd’hui pour horriblement triste. Je conçois fort bien que, le premier jour, une jeune Française, accoutumée à nos maisons percées de cent fenêtres, n’y voie qu’une prison.

Abbiamo visto diversi palazzi in questi giorni; per prima cosa, palazzo Farnese, il più bello di tutti, costruito da Sangallo e Michelangelo con pietre prese dal Colosseo e dal teatro di Marcello. Si accede a questo edificio isolato da una piazzetta davvero graziosa; il palazzo ha la forma di un quadrato perfetto. È ancora una fortezza, come i palazzi fiorentini. […] Palazzo Farnese, mirabile per via dell’architettura di Michelangelo, oggi passerebbe per incredibilmente triste. Capisco benissimo che il primo giorno una giovane francese, abituata alle nostre case con una miriade di finestre, ci veda una prigione. (trad. D. Feroldi)   

Una fortezza dunque, di più, una prigione. Il gusto dell’epoca, dopo gli sfarzi del barocco, non ammette la solida rigidità di quel quadrato perfetto. È la stessa terribile decadenza che qualche decennio dopo registrerà anche Émile Zola (1840–1902) è, amplificandola, nel diario del suo viaggio a Roma del 1894. Questi appunti gli servirono per completare il secondo libro della trilogia Le tre città, dedicato a Roma (Les trois villes 2. Rome, 1896), in cui si esprime così:

Ah ! cette colossale demeure somptueuse et mortelle, avec sa vaste cour à portique, d’une humidité sombre, son escalier géant, aux marches basses, ses couloirs interminables, ses galeries et ses salles démesurées ! C’était d’une pompe souveraine dans la mort, un froid glacial tombait des murs, pénétrait jusqu’aux os les fourmis humaines qui s’aventuraient sous les voûtes.

Ah! Questa colossale dimora sontuosa e mortale, con la sua vasta corte a portico, di un’umidità oscura, la sua scalinata monumentale, dagli scalini bassi, i suoi corridoi interminabili, le sue gallerie e le sale smisurate! Era di uno sfarzo sovrano nella morte, un freddo glaciale cadeva dai muri, penetrava fino alle ossa le formiche umane che si avventuravano sotto le sue volte. (trad. A. Cossu)

All’epoca del viaggio di Zola, Palazzo Farnese ospitava l’ambasciata di Francia presso il regno d’Italia, in continuità con una tradizione diplomatica che perdura ancora oggi. Nei suoi appunti di viaggio Zola nomina anche l’École française de Rome, installatasi nel 1875. Tuttavia non è il connubio politico e scientifico l’aspetto che lo scrittore vuole sottolineare nel testo sopracitato. Fuori dalla metafora della grandezza glaciale del palazzo, in cui ogni individuo si sente minuscolo, è più il cambiamento in atto della geografia sociale romana quello che interessa a Zola, insieme alla fine di quel valore simbolico che i palazzi nobiliari di Roma avevano ricoperto a lungo e che oramai si stava dissolvendo.

Questo cambiamento, che altro non è che un passaggio di potere, è lo stesso incarnato dal romanzo Il piacere di Gabriele D’Annunzio (1863–1938), pubblicato nel 1889 e ambientato pochi anni prima. Si racconta la vita mondana di Andrea Sperelli, nobile dandy devoto al culto della bellezza e dell’arte. Palazzo Farnese è il luogo ideale dove coltivare un certo tipo di estetica, come ci dice lo stesso D’annunzio: E il suo gran sogno [di Sperelli ndr] era di possedere un palazzo incoronato da Michelangelo e istoriato dai Carracci, come quello Farnese. E proprio lì, non casualmente, gli da appuntamento durante un ballo Elena Muti, la donna che Sperelli ama a discapito di tutto, fino alla fine del romanzo. Nel capitolo III del primo libro, D’Annunzio racconta in un flashback il luogo e l’atmosfera dell’incontro. Sperelli vede Elena Muti nell’istoriata galleria del Carracci dov’era minore la calca, portando un lungo strascico che la seguiva come un’onda grave sul pavimento. E inizia la descrizione:

Le sale si empivano rapidamente; le danze incominciavano: nella galleria d’Annibale Caracci le semiddie quiriti lottavan di formosità con le Ariadne, con le Galatee, con le Aurore, con le Diane degli affreschi; le coppie turbinando esalavano profumi: le mani inguantate delle dame premevano la spalla dei cavalieri; le teste ingemmate si curvavano o si ergevano; certe bocche semiaperte brillavano come la porpora; certe spalle nude luccicavano sparse d’un velo d’umidore; certi seni parevano irrompere dal busto, sotto la veemenza dell’ansia. […]

Egli proferiva le parole d’amore sommessamente, senza guardarla, tenendo gli occhi fissi d’innanzi a sé; ed ella le ascoltava nella stessa attitudine, impassibile in vista, quasi marmorea. Nella galleria rimanevano poche persone. Lungo le pareti, tra i busti dei Cesari, i cristalli opachi de’ lumi, in forma di gigli, versavano un chiarore eguale, non troppo forte. La profusione delle piante verdi e fiorite dava imagine di una serra suntuosa. Le onde della musica si propagavano nell’aria calda, sotto le volte concave e sonore, passando su tutta quella mitologia come un vento su un giardino opulento.

Con D’Annunzio il palazzo non è più solamente un luogo fisico, dove poter incontrare l’amata, ma è anche un luogo mentale, dove il protagonista, inebriato dalla sensualità del luogo, può vivere le sue sensazioni in una sorta di incantesimo. In questo luogo, ogni dettaglio conta, perché fa parte di un’estetica precisa. Ma questa narrazione carica di edonismo alla fine dei conti è vuota, inconsistente. L’era delle casate nobiliari di Roma sta tramontando.

            Palazzo Farnese, dopo la parentesi decadente dannunziana, torna così ad essere un luogo concreto, ma non perderà il suo valore simbolico. In questo senso, ma cambiando completamente dimensione, mi piace chiudere con un passo di una lettera che Pier Paolo Pasolini (1922–1975)  inviò il 10 febbraio 1950 a Silvana Mauri:

Sai, abito vicino al ghetto, a due passi dalla chiesa di Cola di Rienzo: ti ricordi? Ho rifatto ormai due o tre volte quel nostro giro del’47, e anche se non ho più ritrovato quel cielo e quell’aria – dal tremendo grigio del ghetto al bianco di San Pietro in Montorio; l’ebrea seduta vicina a una catena contro la porta scura; il temporale con l’odore di resina, e poi Via Giulia e palazzo Farnese, quel palazzo Farnese che non si ripeterà più, come se la luce dopo il temporale lo avesse scolpito in un velo – mi sono stordito e consolato.

Come D’Annunzio, anche Pasolini in fondo proietta sé stesso sul palazzo. Non certo al suo interno, la facciata quadrangolare potrebbe anche rappresentare il solo scheletro dell’edificio. Il palazzo e la sua stessa esistenza, tuttavia, sono lì a manifestare il ricordo di una sola giornata, in un passato che non tornerà. Così concreto e allo stesso tempo effimero, perché quella sensazione vissuta una volta è già sfuggita, e non è ripetibile. Credo si tratti dello stesso irripetibile stupore di chi ha la fortuna di frequentare il palazzo, a lungo o anche solo per il tempo di una visita.

Angela Cossu
Membro scientifico dell’École française de Rome

Per approfondire:

  • G. D’Annunzio, Il Piacere, cur. F. Roncoroni, Oscar Mondadori, Milano 1995.
  • P. P. Pasolini. Lettere 1940-1954, cur. N. Naldini, Einaudi, Torino, 1986.
  • Stendhal, Promenades dans Rome, Delaunay, Paris, 1829.
  • Stendhal, Passeggiate romane, trad. D. Feroldi, pref. E. Trevi, Feltrinelli, 2019.
  • É. Zola, Les trois villes 2. Rome, Charpentier et Fasquelle, Paris, 1896.
  • É. Zola, Mes voyages. Lourdes. Rome, journaux inédites présentés et annotés par R. Ternois, Paris, Fasquelle, 1958
  • É. Zola, Il mio viaggio a Roma, trad. S. Accardi, Intra Moenia, Napoli, 2013.


Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search